I Padri Minimi si ribellano, scelta avventata la data del voto in Calabria · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

I Padri Minimi si ribellano, scelta avventata la data del voto in Calabria

santuario_paolaPAOLA (CS) – La data delle prossime elezioni regionali in Calabria, fissate per il 23 novembre, priverà molti cittadini “del loro diritto di voto”. Lo afferma oggi padre Gregorio Colatorti, provinciale dei frati Minimi e co-rettore del santuario di San Francesco di Paola, osservando che lo stesso giorno è prevista a Roma la canonizzazione del beato Nicola Saggio da Longobardi, il cui legame con la regione “avrebbe certamente meritato in questa circostanza più attenzione e sensibilità”.

Pure il vescovo di Cosenza, monsignor Salvatore Nunnari, aveva chiesto di non fissare le elezioni per il 23 novembre proprio per la coincidenza con la cerimonia religiosa. “La canonizzazione del beato Nicola Saggio – sottolinea Colatorti – rappresenta per l’intero popolo calabrese, cristiano e non, una pagina eccelsa della sua storia che va conosciuta, valorizzata e amata e che ogni cittadino ha diritto di scrivere con la sua presenza a Roma”. “Pur rispettando le decisioni assunte, non possiamo che esprimere – rimarca il religioso – il nostro dispiacere che vuole trasformarsi però in impegno di preghiera. Il nuovo santo Nicola Saggio da Longobardi, umile figlio di san Francesco di Paola, ottenga per il futuro della nostra amata terra di Calabria una classe politica ‘nuova’ nella mente e nel cuore, più attenta alle esigenze del popolo, alle emergenze dei poveri e delle famiglie in difficoltà per la mancanza di occupazione”.

chiesadicalabria

Commenta

loading...