Mons. Cantafora: “S. Antonio fermi la spirale della corruzione” · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Mons. Cantafora: “S. Antonio fermi la spirale della corruzione”

domenica 15 giugno 2014

imageLAMEZIA TERME (CZ) – “C’è chi ruba, distrugge e divora i beni dei poveri! Chiediamo a S. Antonio di convertirli e di fermare la spirale della corruzione pacificamente accettata”.

E’ la preghiera del Vescovo di Lamezia Terme S. E. Mons. Luigi Antonio Cantafora al termine della processione di S. Antonio di Padova, che ha concluso i festeggiamenti in onore del compatrono della città di Lamezia Terme.
Le famiglie e le imprese “spogliate da quelli che S. Antonio chiamava la gente maledetta dagli usurai”, la corruzione dilagante, l’illegalità “che rischia di diventare la trama della convivenza civile della nostra città”. Questi i temi toccati dal Vescovo di Lamezia nel suo discorso alla città, ribadendo “sostegno e gratitudine alle forze dell’Ordine per il loro lavoro” e rivolgendo un appello perché “la parola di S. Antonio risuoni forte in particolar modo contro gli usurai e gli strozzini, che coperti dalla criminalità organizzata, ancora mietono vittime che restano silenziose e prive di aiuto. Senza parlare della corruzione che dilaga”. Dietro le vittime dell’usura – ha aggiunto il Vescovo – “vediamo chi, duro e inflessibile persevera nel male e non si piega di fronte a Dio”.
Mons. Cantafora ha evidenziato il senso autentico della devozione al Santo di Padova “che ci invita a rimetterci a seguire la via sicurissima del Vangelo, dove giustizia e pace si baciano e amore e misericordia si incontrano”. E il Vangelo – ha aggiunto il presule – “resta per noi la regola migliore, la via più santa, il mezzo più sicuro per la vera giustizia, perché porta con se la parola rivoluzionaria del perdono”.
“Riconciliamoci, cerchiamo di stringere e unire le forze” è il monito del Vescovo lametino perché “nella città di Lamezia cresca e maturi quell’impegno concreto e reale verso il bene comune.” “Se seguiamo il Vangelo che impone l’attenzione verso i poveri, gli ultimi e i bisognosi” – ha concluso Cantafora – “allora la speranza può rinascere, perché il cristiano, come Sant’Antonio, sa di avere in custodia tutti i suoi fratelli”.

loading...