Contraffazione, 8500 prodotti cinesi non a norma sequestrati dalla Finanza di Crotone · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Contraffazione, 8500 prodotti cinesi non a norma sequestrati dalla Finanza di Crotone

giovedì 4 febbraio 2016 - 9:35
Print Friendly, PDF & Email

guardia_di_finanza-notte_1CROTONE – La Guardia di Finanza ha intensificato l’attività a tutela del mercato e in particolare quella rivolta alla sicurezza delle merci, sequestrando oltre 8.500 prodotti, fra cosmetici, apparecchiature elettriche, giocattoli, ferramenta ed altro.

Il fenomeno illecito è quello della vendita di merce con falsa/mancante marcatura CE o, comunque, priva/carente dell’indicazione dei requisiti minimi di sicurezza previsti dalla normativa dell’Unione Europea e nazionale, a tutela della salute umana.

Rispetto alla domanda di maggior sicurezza economica dei cittadini, le Fiamme Gialle Crotonesi hanno intensificato le quotidiane attività di prevenzione e controllo economico del territorio acquisendo, anche grazie alle analisi delle banche dati a disposizione del Corpo, utili informazioni per interventi mirati in materia di sicurezza dei prodotti.

Tali attività si sono concretizzate in perquisizioni, accessi, ispezioni e verifiche delle merci che hanno visto coinvolti più reparti della Regione.

In particolare le attività poste in essere dai finanzieri crotonesi prima e poi quelle del Gruppo di Lamezia Terme, hanno consentito il sequestro complessivo di oltre 8.500 prodotti non rispettanti la specifica normativa sulla sicurezza dei prodotti o con marchio CE risultato contraffatto/assente. I Nr. 7 soggetti economici tutti di etnia cinese, sono stati denunciati all’A.G. per frode in commercio attraverso l’illecita commercializzazione di merce non sicura.

Prosegue l‘attività incessante delle Fiamme Gialle a tutela dei contribuenti onesti e rispettosi della legalità, contrastando con forza tutti quegli episodi di sleale concorrenza e, come in questo caso, anche con nocumento verso la salute e la sicurezza dei cittadini.

loading...