Locri: incendio in un deposito di bus, distrutti 14 mezzi · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Locri: incendio in un deposito di bus, distrutti 14 mezzi

lunedì 1 febbraio 2016 - 9:54
Print Friendly, PDF & Email

Intervento dei Vigili del Fuoco per incendio autobus LocriLOCRI (REGGIO CALABRIA) – Quattordici autobus sono stati distrutti a Locri da un incendio di vaste proporzioni, sulla cui natura sono in corso accertamenti, scoppiato poco dopo la mezzanotte all’interno del deposito dell’azienda di autolinee Federico.

Le fiamme, sviluppatesi da un primo autobus si sono propagate in brevissimo tempo a tutti gli altri mezzi in sosta nelle immediate vicinanze.

Sul posto sono intervenute tre squadre di vigili del fuoco con quattro autobotti, che hanno lavorato per quattro ore riuscendo a salvare solo uno dei 15 mezzi parcheggiati all’ interno del piazzale, in contrada Riposo di Locri.

Gli autobus sono utilizzati per il servizio di trasporto di studenti e pendolari in tutta la costa jonica reggina. Già in passato la società di autolinee reggina è stata oggetto di roghi che hanno distrutto e danneggiato diversi autobus provocando notevoli danni.

AGGIORNAMENTO DELLE 10.30: trovata tanica, s’indaga su ipotesi dolosa

Sarebbe di natura dolosa l’incendio scoppiato nella notte, a Locri, all’interno del deposito della società di autolinee Federico e a causa del quale sono stati distrutti 14 autobus. Sul luogo dell’incendio, infatti, è stata trovata una tanica del tipo di quelle utilizzate per contenere liquido infiammabile, in parte bruciata.

Sull’episodio stanno indagando i carabinieri che sono intervenuti nell’immediatezza del fatto. L’azienda reggina di autolinee ha già subito in passato incendi e danneggiamenti di propri automezzi, a scopo intimidatorio, nel febbraio del 2013 a Satriano e nel maggio dello stesso anno a Santa Caterina dello Jonio. Nel 2014, a gennaio, un nuovo episodio si era verificato sempre a Santa Caterina dello Jonio.

loading...