Operazione “CHINA-HALLOWEEN” sequestrati un milione e mezzo di prodotti pericolosi destinati alla vendita – VIDEO · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Operazione “CHINA-HALLOWEEN” sequestrati un milione e mezzo di prodotti pericolosi destinati alla vendita – VIDEO

venerdì 30 ottobre 2015 - 9:01
Print Friendly, PDF & Email

cosenza_gdf_operazione_china_halloween_2015COSENZA – I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, nell’ambito di interventi finalizzati a prevenire la commercializzazione di prodotti nocivi o pericolosi per la salute, proprio in occasione della festività di Halloween, hanno sequestrato circa 1.500.000 articoli, destinati alla libera vendita, carenti dei contenuti informativi minimi per il consumatore o contraffatti.

Gli interventi delle Fiamme Gialle facevano luce su attività, gestite da soggetti di nazionalità cinese, esercenti il commercio al dettaglio di articoli di vario genere, provenienti dall’area asiatica.

Nel corso degli interventi i Finanzieri cosentini individuavano migliaia di accessori da utilizzare per i travestimenti di Halloween, quali maschere , dentature , cappellini a tema e tatuaggi temporanei, oltre ad una serie di altri prodotti, di decorazione ed elettrici, destinati alla vendita, soprattutto per i consumatori più giovani, che non rispettavano le prescrizioni previste dal D.Lgs 206/2005 (Codice del Consumo). Si individuavano altresì stikers raffiguranti l’effige di personaggi di fantasia, anch’essi in esposizione per la commercializzazione, che risultavano contraffatti.

L’operazione consentiva il sequestro di circa un milione e mezzo (1.437.742 ) di articoli, in violazione agli artt. 6, 7 e 9 D.Lgs 206/2005 (Codice del Consumo) ; contestata anche la contraffazione . Continua l ‘azione delle Fiamme Gialle a tutela della salute dei consumatori e contro coloro che commercializzano prodotti violando la legge e in sleale concorrenza ,spuntando così un prezzo ridotto, a scapito di chi invece rispetta le regole .

loading...