Paolo Parentela (M5S): “Discarica Scala Coeli determinerà disastro ambientale” · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Paolo Parentela (M5S): “Discarica Scala Coeli determinerà disastro ambientale”

venerdì 19 giugno 2015 - 17:48
Print Friendly, PDF & Email

scala_coeliCATANZARO – “Sarà un disastro ambientale preannunciato, non si può pensare di utilizzare una discarica in queste condizioni ed in questo territorio”. Lo afferma il deputato M5S Paolo Parentela dopo aver visitato la discarica di Scala Coeli insieme agli attivisti locali del Movimento Cinque Stelle ed ai cittadini dell’Associazione “Le Lampare” e del Comitato “No Discarica”.

“È veramente incomprensibile – aggiunge – come sia stato possibile autorizzare il conferimento di rifiuti in una discarica del genere. La strada per arrivare alla discarica non è assolutamente percorribile in sicurezza. Devono spiegarci come il Dipartimento Ambiente della Regione consideri ottemperata la prescrizione sulla viabilità di accesso alla discarica se sulla strada sono state eseguite opere abusive. Inoltre, in caso di piena del torrente, ci saranno gravi rischi ambientali connessi al trasferimento del percolato.

La Regione Calabria ha avuto il barbaro coraggio di non costituirsi in un ricorso al Tar promosso dalla proprietà della discarica, il che ha dato via libera al conferimento di rifiuti che, da quanto mi dicono, è iniziato pochi giorni fa. I cittadini della zona si sentono in serio pericolo per la presenza di una discarica, visto che insiste in un territorio a chiara vocazione agricola, nel bel pieno di una zona con produzioni Dop e biologiche in contrasto con la normativa regionale ed una sentenza del Consiglio di Stato, inspiegabilmente contraddetto dal Tar”. “Il Governatore della Regione Calabria Mario Oliverio – conclude – in campagna elettorale si è fatto sostenitore della strategia ‘rifiuti zero’. Ora è il tempo di agire! Risponda alla mia sollecitazione, inviata tramite lettera quattro mesi fa, ed organizzi urgentemente un incontro con le associazioni del territorio per fermare subito questo disastro annunciato”.(ANSA).

loading...