Gdf Crotone scopre truffa ai danni del bilancio comunitario: sequestrati beni per 714.mila euro, otto persone denunciate · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Gdf Crotone scopre truffa ai danni del bilancio comunitario: sequestrati beni per 714.mila euro, otto persone denunciate

venerdì 29 maggio 2015

soldi_3CROTONE – Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Crotone, in esecuzione di un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini preliminari presso il Tribunale di Crotone, D.ssa Bianca Maria Todaro, ha sequestrato disponibilità bancarie e beni immobili fino a concorrenza dell’importo di € 714.000 nei confronti degli amministratori pro tempore di una società di persone operante nel settore delle costruzioni.

Il decreto costituisce l’atto conclusivo dell’indagine che le Fiamme Gialle crotonesi hanno condotto, su delega della locale Procura della Repubblica, in esito ad un controllo amministrativo eseguito dai finanzieri pitagorici in materia di tutela della spesa pubblica, nell’ambito di un ‘azione posta in essere d’intesa e con il prezioso contributo dei Reparti Speciali delle Fiamme Gialle di Roma , in particolare del  Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza .

Nello specifico, la Guardia di Finanza ha inteso monitorare l’iter relativo all’impiego di risorse comunitarie, erogate attraverso la Regione Calabria, destinate ad incentivare le imprese per l’incremento occupazionale e la formazione in azienda di dipendenti neo-assunti, tratti da particolari categorie di lavoratori svantaggiati (disoccupati da più anni).

La specifica norma agevolativa prevedeva, oltre alla regolare assunzione dei neo dipendenti, anche il rispetto di ulteriori requisiti, quali l’impegno a mantenere impiegati i neo assunti per almeno un triennio e la previsione di un programma di formazione dedicato.

Tra i destinatari di finanziamenti della specie, è stata sottoposta a controllo una società operante nel settore delle costruzioni, beneficiaria di un contributo di € 630.000 per le spese relative ai costi salariali ed € 84.000 per quelle inerenti i corsi di formazione.

Gli accertamenti eseguiti dal Nucleo Pt di Crotone, resi oltremodo difficoltosi dall’indisponibilità delle scritture contabili (asseritamente oggetto di un furto peraltro mai oggetto di denuncia), hanno evidenziato la sussistenza di numerose irregolarità.

In particolare, ad eccezione di un solo lavoratore, i dipendenti hanno disconosciuto le firme apposte sui registri delle presenze, dichiarando di non aver partecipato ad alcun corso di formazione.

La stessa assunzione dei “neo dipendenti” è apparsa irregolare, poiché si trattava di dipendenti, già in forza ad altra azienda riconducibile agli stessi soggetti. Gli stessi erano stati licenziati poco prima di essere assunti dal nuovo soggetto societario, al solo fine di ottenere il finanziamento.

Inoltre, molti lavoratori non avevano i titoli per poter essere considerati appartenenti alle categorie svantaggiate.

Infine, per la società ha artificiosamente utilizzato un contratto di subappalto per dimostrare l’operatività sulla scorta della quale ha fondato le giustificazione delle assunzioni finanziate.

A conclusione dell’indagine sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria 8 persone ritenute responsabili del reato di truffa aggravata, di falso e dei reati tributari di emissione ed utilizzo di fatture false, nonché occultamento delle scritture contabili.

Oltre agli amministratori della società succedutisi nel tempo, sono stati denunciati anche alcuni professionisti che hanno prodotto le fatture false attestanti lo svolgimento delle attività formative in realtà mai avvenute.

Le situazioni riscontrate sono state altresì oggetto di apposita segnalazione, per i connessi profili di danno erariale, alla Procura Regionale della Corte dei Conti.

Anche quest’attività operativa testimonia l’impegno quotidiano del Corpo della Guardia di Finanza nel servizio volto alla tutela della spesa pubblica, per garantire che le risorse pubbliche siano correttamente indirizzate ed impiegate a sostegno di attività che possano contribuire a creare, soprattutto in questi tempi di crisi, effettive condizioni di crescita economica e di sviluppo.

 

loading...