Continua “Natale sicuro”: nuovo sequestro della GdF di Cosenza · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Continua “Natale sicuro”: nuovo sequestro della GdF di Cosenza

martedì 16 dicembre 2014 - 12:17
Print Friendly, PDF & Email

botti-unoCOSENZA – Continua “Natale sicuro” ad opera della Guardia di Finanza di Cosenza, questa volta si chiamano in codice “Viterbo”, “LillyMagnolia”, “Vesuvio”, le quasi 3 tonnellate di fuochi pirotecnici di IV e V categoria, corrispondenti a oltre un milione di “bocche di fuoco”, sequestrati dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza in un deposito ubicato alle porte del capoluogo bruzio, e precisamente nel Comune di Zumpano.

Proprio in quest’area, le Fiamme Gialle, dopo la consueta attività fatta di pedinamenti ed appostamenti, hanno individuato i locali, nella disponibilità di un soggetto della zona, che faceva da deposito per l’ingentissimo quantitativo di materiale pirotecnico. E’ così scattato il blitz che ha permesso di rinvenire, custodite in totale violazione delle norme sulla sicurezza, ben 3 tonnellate di fuochi d’artificio della tipologia fontane, candele, raudi e bengala di produzione cinese, nonché “bombe” artigianali, per un valore commerciale di oltre 200.000 euro.

Il soggetto sorpreso dal tempestivo intervento degli uomini guidati dal Colonnello Ciavarella e dal Capitano Gugliandolo, non è stato in grado di esibire alcuna documentazione che giustificasse tale possesso. Il contravventore è stato segnalato a piede libero alla Procura della Repubblica di Cosenza che nella persona del dottor Giuseppe Cava sta conducendo le indagini.

Anche quest’anno, dunque, in concomitanza con l’approssimarsi delle festività Natalizie, l’attività della Guardia di Finanza è diretta a contrastare l’illecita detenzione e vendita di materiale pirotecnico a tutela soprattutto dell’incolumità del cittadino. Un altro significativo risultato dunque proprio all’indomani dell’altro ingente sequestro che ha interessato anche altre cittadine della provincia di Cosenza.

Redazione

loading...