Ruba auto, rosarnese arrestato dopo spettacolare inseguimento nella campagne di Briatico · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Ruba auto, rosarnese arrestato dopo spettacolare inseguimento nella campagne di Briatico

domenica 14 dicembre 2014

CarabinieriBRIATICO (VV) – Altro arresto lampo da parte dei Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia. A poche ore dal fermo del rapinatore nel capoluogo autore di una rapina ad un distributore i militari dell’Arma hanno concluso in poche ore un’altra operazione di polizia che ha portato all’arresto di AMATO Armando, pregiudicato di Rosarno di 43 anni.

Tutto è successo nella serata di ieri allorquando a seguito di un furto di una fiat panda perpetrato in Frazione Marina di Vibo Valentia tutte le pattuglie presenti nella giurisdizione, a seguito della nota di ricerca diramata dalla centrale operativa, si sono messe alla ricerca dell’autovettura asportata.

Autovettura che veniva intercettata da una pattuglia effettiva alla Stazione Carabinieri di Briatico sulla sp 122 che da Vibo Marina porta a Tropea.

I malviventi, alla vista dei militari dell’Arma, davano inizio alla loro fuga a bordo della panda rubata.

A folle velocità sull’arteria provinciale i malfattori, sentitisi braccati, imboccavano una strada interpoderale ove, a seguito di una brusca manovra, sbattevano contro un terrapieno. Discesi dall’autovettura i malfattori venivano raggiunti dai Carabinieri in quel mentre scesi dall’auto di servizio: ne scaturiva una concitata colluttazione a seguito della quale uno dei malfattori riusciva a darsi alla fuga per le campagne mentre l’AMATO Armando veniva bloccato ed immobilizzato.

L’autovettura rubata è stata recuperata e posta in sequestro in attesa di essere riconsegnata ad un’anziana donna legittima proprietaria. AMATO Armando, condotto in caserma, è stato dichiarato in arresto per i reati di furto aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

I due Carabinieri, che nel corso della colluttazione hanno riportato lievi lesioni, sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari dell’ospedale di Tropea: ne avranno per qualche giorno. Le ricerche dell’altro malvivente, che sono andate avanti per tutta la notte, continueranno anche nelle prossime ore.

Ancora una volta il capillare e costante controllo del territorio unita allo slancio operativo, al coraggio e alla tempestività dei due Carabinieri ha dato i suoi frutti ed ha consentito di assicurare immediatamente alla giustizia un altro malfattore.

loading...