False polizze rca, truffa milionaria · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

False polizze rca, truffa milionaria

Foto truffa assicurazioni a TarantoVendevano false polizze assicurative provvisorie, e per farlo avevano messo su un’organizzazione in grado di creare, promuovere e commercializzare in tutta Italia, contratti che duravano 5 giorni.

La Polizia di Stato ha scoperto la truffa con l’operazione “Five gold days”, che ha interrotto l’attività del gruppo criminale, portando all’arresto di cinque persone, mentre altre otto sono sottoposte a indagini.

L’accusa nei loro confronti è di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni di cittadini e di numerose compagnie assicurative.

L’indagine è stata realizzata dalla Sezione Polizia stradale di Taranto in collaborazione con gli agenti dei Compartimenti della stradale di Bari e Milano.

Gli investigatori si sono attivati nel giugno 2013, dopo che dai rilievi effettuati su un incidente stradale avvenuto il 31 dicembre 2012, era emerso che una delle auto coinvolte aveva la polizza assicurativa temporanea falsa.

Partendo da questo episodio gli uomini della Stradale hanno scoperto che l’organizzazione criminale era in grado di promuovere e vendere le polizze false grazie anche all’utilizzo di alcuni siti internet.

La vendita al dettaglio avveniva con la collaborazione di agenzie di pratiche automobilistiche, spesso consapevoli del raggiro che stavano contribuendo a porre in essere.

Per aumentare la credibilità delle offerte, i prodotti venivano pubblicizzati attraverso organi di stampa e banner pubblicitari presenti all’interno di alcuni stadi di calcio di serie A e durante gli incontri della nazionale italiana di calcio.

Le truffe avvenivano in particolare in Sicilia, Calabria, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Campania e Toscana.

Sequestrato molto materiale informatico, tra cui diversi computer, tablet e smartphone, dai quali gli investigatori hanno accertato la vendita di oltre 600 polizze false.

Il giro d’affari ammonta a diversi milioni di euro, calcolando le entrate dalla vendita delle polizze e il mancato risarcimento dei cittadini in caso di incidente stradale.

Commenta

loading...