Truffa all’Inps, individuati 517 braccianti assunti fittiziamente. Danno erariale per 1,8 mln di euro · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Truffa all’Inps, individuati 517 braccianti assunti fittiziamente. Danno erariale per 1,8 mln di euro

giovedì 4 settembre 2014

imageCOSENZA – E’ di circa 1,8 milioni di euro (tra indennità agricole illegittimamente erogate e contributi Inps dovuti e non versati) l’ammontare della truffa, operata da uno pseudo imprenditore agricolo della Sibaritide, perpetrata ai danni dell’INPS, scoperta dai finanzieri del Gruppo di Sibari al termine di un’articolata e complessa attività investigativa, condotta a tutela delle uscite del bilancio dello Stato.
L’indagine delle Fiamme Gialle, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, ha consentito di appurare il modus operandi posto in essere dal citato imprenditore, per consentire a terzi la percezione delle indennità previdenziali ed assistenziali in argomento.
In particolare, il predetto imprenditore, attraverso la predisposizione di falsi contratti di fitto/comodato di terreni, ha documentato all’INPS una rilevante disponibilità di fondi agricoli idonei a giustificare, con riferimento al periodo 2007-2013, l’assunzione di OTD (operai agricoli a tempo determinato), per oltre 40.000 giornate lavorative.
A tale scopo ha provveduto a:
predisporre fraudolentemente, tutti i documenti necessari per legittimare l’impiego della manodopera;
inoltrare, una denuncia aziendale (mod. D.A.), utile ad ottenere il rilascio da parte del predetto istituto previdenziale del relativo codice CIDA, ed indispensabile per l’invio trimestrale dei modelli DMAG (dichiarazione di manodopera agricola) e la conduzione dei terreni sopra indicati;
dichiarare falsamente all’INPS, di aver impiegato complessivamente n. 517 operai a tempo determinato, per complessive n. 41.420 giornate;
giustificare l’effettivo esercizio dell’attività d’impresa, e quindi l’impiego dei lavoratori dichiarati, anche attraverso la presentazione delle relative dichiarazioni dei redditi.
Con tale condotta ha indotto in errore l’Ente Pubblico erogatore, circa la sussistenza dei requisiti di legge, ottenendo l’erogazione delle indennità in argomento a favore degli OTD comunicati dall’azienda agricola, così distinte: nr. 431 per disoccupazione agricola; nr. 352, per malattia; nr. 31 per maternità e nr. 18 per congedo parentale, il tutto per un importo complessivo di circa 1,4 milioni di euro.
Inoltre, gli accertamenti condotti hanno consentito di appurare che l’azienda agricola, per il periodo al 2007 al 2012, ha omesso di versare nelle casse dello Stato i relativi contributi previdenziali INPS quantificati in oltre € 400.000,00.
Tutte le situazioni penalmente rilevanti emerse a carico del titolare dell’azienda agricola interessata dagli accertamenti sono state opportunamente segnalate alla prefata Autorità Giudiziaria.
Al termine dell’attività sono stati individuati nr. 517 braccianti agricoli la cui posizione è al vaglio dell’A.G. competente per le indennità indebitamente percepite.
Anche questa operazione di servizio conferma la fondamentale importanza del ruolo istituzionale di Polizia Economico Finanziaria affidato alla Guardia di Finanza nel settore del controllo sulle “USCITE” del bilancio dello Stato, considerato che un corretto e appropriato uso delle risorse economiche disponibili consente di destinare maggiori risorse alle politiche di effettivo sostegno verso imprese e famiglie che si pongono in un contesto di regolarità.

loading...