Lamezia, celebrazione della Beata Vergine Madonna di Loreto Patrona dell’Aviazione dell’Esercito · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lamezia, celebrazione della Beata Vergine Madonna di Loreto Patrona dell’Aviazione dell’Esercito

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – In occasione della ricorrenza della Madonna di Loreto, presso la sede del 2° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Sirio”, nella caserma “Carmine Calò” di Lamezia Terme, si è tenuta una celebrazione eucaristica dedicata alla patrona dell’Aviazione dell’Esercito.

Tale momento di raccoglimento, voluto dal Comandante del 2° reggimento “Sirio”, colonnello Maurizio Sabbi, è stato officiato dal vescovo della diocesi di Lamezia Terme, S.E. Mons. Giuseppe Schillaci, alla presenza di numerose autorità civili e militari, rappresentanti della Associazione Nazionale Aviazione dell’Esercito – Sezione “Carmine Calò”, nonché studenti del Liceo Scientifico “G. Galilei” di Lamezia Terme e delle Scuole Medie di Miglierina-Marcellinara (CZ).

Alla giornata hanno preso parte anche i familiari dell’ex militare del “Sirio” Antonino Candido, uno dei 3 Vigili del Fuoco prematuramente scomparsi lo scorso 5 novembre nell’esplosione di una cascina nei pressi di Alessandria, e la Medaglia di Bronzo al Valor Militare sottotenente Antonio Zaffina di Lamezia Terme-Sambiase, ex pilota militare dell’Aeronautica Militare durante la seconda guerra mondiale, che da poco ha festeggiato i cento anni. La loro partecipazione ha reso la ricorrenza ancora più ricca di significato ed è stato il momento per tutto il personale del reggimento per manifestare i sentimenti di riconoscenza verso quanti hanno donato la vita nell’adempimento del proprio dovere e per chi ha servito con devozione e onore la Patria in momenti difficili.

Nell’occasione il colonnello Sabbi ha fatto dono ai familiari di Candido della riproduzione di un disegno raffigurante un murales da lui realizzato durante il suo servizio come Volontario in Ferma Prefissata presso il Reggimento.

La cerimonia religiosa, a cui è preceduta nel mattino la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti, ha avuto come cornice l’allestimento di una mostra statica di materiali e mezzi in dotazione al reggimento a favore dei convenuti.

Commenta