Oliverio a Rossano: “Una  nuova formazione per vincere le sfide del futuro” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Oliverio a Rossano: “Una  nuova formazione per vincere le sfide del futuro”

Si è svolta ieri sera, presso un’affollatissima “Sala Rossa” dello splendido Palazzo San Bernardino di Rossano, la cerimonia di consegna degli attestati ai beneficiari del bando “Dote Lavoro e Inclusione attiva” della Regione Calabria che hanno concluso il corso di formazione e conseguito la qualifica professionale e la certificazione delle competenze acquisite durante i tirocini formativi.

A promuovere l’incontro è stata l’Associazione “Imforma”, ente regionale di formazione e agenzia per il lavoroguidato da Francesco Beraldi, che ha portato a termine 13 corsi di formazione e quasi 300 tirocini formativi. La cerimonia è stata suddivisa in due momenti: il primo è stato dedicato alla consegna degli attestati, il secondo alla riflessione su ciò che è stato fatto e su cosa ancora si può fare in Calabria nel campo della formazione professionale e del lavoro. All’incontro, moderato dalla giornalista Mita Borgogno, ha portato il saluto della città di Corigliano-Rossano il sindaco Flavio Stasi. Sono intervenuti, fra gli altri, il Dirigente regionale del settore formazione professionale Antonietta Trotta, il R.U.P. del Bando Dote Lavoro e Inclusione Attiva Giorgio Scarfone e il Direttore Generale di ImformaFrancesco Beraldi. Ha concluso la serata il presidente della Regione, Mario Oliverio il quale, dopo aver salutato i presenti eringraziato gli organizzatori del corso, si è soffermato brevemente sul rapporto fra formazione, lavoro e investimenti al Sud.

“Attraverso questo progetto su cui abbiamo investito risorse considerevoli – ha dichiarato Oliverio – abbiamo avviato una misura innovativa che si traduce in interventi personalizzati e realizzati sulla base delle esigenze reali dei soggetti delle categorie che sino ad oggi sono rimasti ai margini del mercato del lavoro e dal sistema di incentivi e di politiche attive per il lavoro. A differenza del passato abbiamo voluto dare alla utilizzazione delle risorse una finalizzazione che prevedesse nuovi profili,fortemente legati alla domanda di lavoro e coprisse un arco di bisogni in grado di aprire nuove opportunità di impiego. Siamo usciti, insomma, dalla vecchia logica della certificazione dellequalifiche “fotocopia”, mettendo in campo progetti sempre piùattinenti alle nuove domande che provengono dal mondo del lavoro. In questo senso, per esempio, abbiamo investito risorse cospicue in direzione della formazione dei giovani nelle competenze digitali coinvolgendo, oltre agli enti pubblici,  anche le università.  Il nostro obiettivo è creare occasioni di lavoro e non forme di assistenza e il corso che si conclude questa sera rappresenta un primo passo innovativo rispetto alle impostazioni del passato”.

“L’occupazione –ha rimarcato il presidente della Giunta regionale- è condizione fondamentale per qualsiasi disegno di sviluppo di questa nostra terra. Un impegno che ci vede in prima linea a tutti i livelli e che deve partire proprio da quelle categorie per le quali l’inserimento nel mondo del lavoro è più complesso. Il lavoro, però, si crea solo se si attuano politiche nazionali ed europee finalizzate a creare convenienze ad investire nel Sud e, in particolare in Calabria, sburocratizzando, agendo sulla leva fiscale e creando convenienze e facilitazioni che spingono le imprese ad investire nella nostra terra. Occorre creare un processo virtuoso a cui collegare una nuova formazione senza la quale non si affrontano le nuove sfide che provengono dai mercati nazionali ed internazionali”.

“Purtroppo, però -ha concluso Oliverio- devo constatare con grande onestà e con insoddisfazione che nella legge finanziaria attualmente all’esame del Parlamento non vedo una politica per il lavoro che preveda investimenti al Sud. Fino a quando non si capirà che il Mezzogiorno è la risorsa fondamentale su cui investire per far ripartire l’economia e la crescita, continueremo a vivere in un Paese che non sarà mai pronto ad affrontare le sfide del futuro”.

Commenta