Lamezia, prosegue #trameoff nelle scuole: il 5 aprile la storia di Joca, il “Che” calabrese, all’Istituto Einaudi · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lamezia, prosegue #trameoff nelle scuole: il 5 aprile la storia di Joca, il “Che” calabrese, all’Istituto Einaudi

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Prosegue #trameoff. Intervista con le storie, il percorso di educazione alla legalità per le scuole superiori proposto dalla Fondazione Trame e dall’Associazione Antiracket Lamezia Onlus (ALA).

Un ricco programma di incontri con autori, che venerdì 5 aprile a partire dalle 11 vedrà impegnati gli studenti dell’Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e Ristorativi Luigi Einaudi di Lamezia Terme in un confronto serrato con Alfredo Sprovieri, giornalista e autore di “Joca, Il che dimenticato” (Mimesis Edizioni), libro-inchiesta introdotto da Goffredo Fofi.

Rivelando inediti retroscena, Sprovieri ricostruisce nel libro la vera storia di Libero Giancarlo Castiglia, calabrese di San Lucido, emigrato in Brasile alla metà degli anni Cinquanta che, durante la dittatura militare, da operaio a Rio De Janeiro decide di unirsi alla guerriglia. Una storia sconosciuta ai più, che nelle precedenti settimane, dopo la lettura del testo, ha stimolato i ragazzi dell’Einaudi con riflessioni e approfondimenti.

Durante l’incontro, che si svolgerà come un’intervista all’autore, gli studenti saranno i veri protagonisti e rivolgeranno a Sprovieri quesiti, interrogativi e dubbi, su una storia che ricorda per alcuni tratti l’epopea del “Che”, a partire da quando all’inizio del nuovo millennio, il governo brasiliano dopo aver ritrovato un corpo in una fossa comune e sospettando si tratti proprio di Libero Castiglia, organizza una spedizione in Calabria alla ricerca del suo dna.

 

#trameoff, fa parte di #trameascuola il più ampio progetto di Trame dedicato agli alunni delle scuole, che comprende anche #tramedimemoria, percorso rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado.  

Commenta