Cosenza, l’Amministrazione comunale supporta la nascita della prima scuola pubblica a indirizzo Montessori · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Cosenza, l’Amministrazione comunale supporta la nascita della prima scuola pubblica a indirizzo Montessori

COSENZA – Nasce in Calabria la prima scuola a indirizzo Montessori, pubblica e statale, quindi accessibile a tutti e gratuita.
A realizzare il progetto – sulla spinta dell’incontro con l’Associazione Ma-Mò, formata a Cosenza da un gruppo di genitori per promuovere la pedagogia di Maria Montessori sul territorio tramite iniziative e percorsi didattici – è l’Istituto Comprensivo via Roma-Spirito Santo. È il suo dirigente Massimo Ciglio ad attivare quei meccanismi di coinvolgimento dell’istituzione locale nell’ambizioso progetto ed ecco che, consumati tutti i passaggi che consentono l’attivazione di classi e sezioni a metodo Montessori, l’Amministrazione comunale, attraverso il suo assessorato alla scuola guidato da Matilde Spadafora Lanzino, interviene a sostegno della realizzazione, soprattutto per quanto attiene la predisposizione degli ambienti di apprendimento in linea con la pedagogia e didattica montessoriana, per una sezione di scuola dell’infanzia ed una di scuola primaria. Si sa che il metodo didattico Montessori rivista completamente sia il concetto di ‘classe’, tradizionalmente inteso come aggregazione di alunni accomunati dall’età anagrafica, sia il concetto di ‘aula’, finora pensata per una didattica prevalentemente erogativa e frontale. Al contrario, le classi montessoriane sono miste e l’apprendere avviene attraverso il confronto costruttivo tra alunni diversi sia per interessi, abilità e competenze, sia per età; l’insegnamento frontale con cattedra cede il passo ai banchi disposti ad isola, dove i bambini possono lavorare per gruppi. Luoghi fisici intesi come spazi mentali, organizzativi ed affettivi in cui bambini e bambine sperimentano tempi distesi di apprendimento, uno stile educativo improntato all’ascolto e all’osservazione, in cui i docenti possono progettare partecipazione, esperienze e gioco; insomma ambienti che facilitano approcci operativi alla conoscenza nei suoi diversi ambiti.

Commenta

loading...