Amarcord, la “storia” della tv calabrese ospite de #lacalabriacherema · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Amarcord, la “storia” della tv calabrese ospite de #lacalabriacherema

CATANZARO – Un viaggio nel passato, ripercorrendo la storia della tv calabrese degli anni ’80 e ’90: i volti storici, i programmi indimenticabili, gli aneddoti più divertenti. Tutto questo è Amarcord, l’evento organizzato dall’associazione #lacalabriacherema, che si terrà giovedì 10 maggio alle ore 18.30 nella sede sociale di Viale degli Angioini a Catanzaro.

Sul palco, intervistati dalla giornalista Rossella Galati, si alterneranno i conduttori storici delle più importanti reti televisivi della nostra regione che racconteranno, attraverso le parole e le immagini, le origini della tv made in Calabria. Non mancherà uno spazio dedicato al dibattito sul presente e sul futuro del panorama televisivo calabrese.

“Amarcord sarà un viaggio, un revival, un racconto, una lezione – sottolinea Tiziana Muraca, presidente de #lacalabriacherema – Ospitare i più grandi personaggi della tv calabrese degli anni ’80 e ’90 è un assoluto privilegio che vogliamo condividere con tutti i soci e con tutti i calabresi che vorranno essere presenti all’iniziativa. E spero siano davvero tanti, perché sarà un’occasione speciale per tributare i volti e i programmi storici della tv calabrese e per ascoltare dalla loro voce il percorso che li ha portati al successo”.

“Abbiamo scelto di raccontare la tv calabrese attraverso le esperienze di chi, negli anni, ha contribuito a scriverne la storia – spiega Salvatore Cuffaro, vice presidente dell’associazione e ideatore dell’iniziativa – Non sarà un evento fatto di rimpianti e di frasi del tipo ‘che belli che eravamo’. Sarà invece un nuovo punto di partenza, un medley di emozioni e di storia che tutti noi dovremmo conoscere, perché la storia della tv calabrese è, in parte, la storia della nostra regione”.

Commenta