Fibrosi cistica, domani sit-in di “Respirando la Vita” davanti all’ospedale lametino · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Fibrosi cistica, domani sit-in di “Respirando la Vita” davanti all’ospedale lametino

martedì 30 gennaio 2018

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Avevano un sogno e una necessità i pazienti affetti da fibrosi cistica: curarsi in Calabria nelle migliori condizioni possibili. Ma quel sogno sembra allontanarsi sempre più, perciò l’associazione Respirando la Vita ha organizzato un sit-in di protesta per domani, mercoledì 31 gennaio alle ore 9.30, davanti all’ospedale di Lamezia Terme, sede dell’unico centro regionale. Per ribadire la necessità vitale di avere medici e fisioterapisti respiratori esperti di fibrosi cistica e stabili, ovvero di avviare i concorsi.

“A quattro anni dall’apertura del centro a Lamezia Terme, infatti –  si legge in una nota a firma di Rita Paonessa – i medici mancano o sono precari e la situazione potrebbe peggiorare. Da luglio manca il fisioterapista respiratorio che per quasi un anno era stato pagato dalla stessa associazione; da circa un anno manca il pediatra.

Oltre al direttore e alla psicologa, erano rimaste 2 pneumologhe, ma il loro incarico scade il 31 gennaio. E dopo? È stata previsto un solo pneumologo e, da quanto noto, il suo arrivo è subordinato al via libera del commissario al piano di rientro Massimo Scura. Insomma, sembra che, nel migliore dei casi, possa arrivare un medico che sa poco o niente di fibrosi cistica. Nel peggiore dei casi, non arriverebbe nessuno. Del resto, la figura dello pneumologo è stata spesso “dimenticata”, anche dai decreti commissariali dell’agosto 2017 sul fabbisogno di personale: perché? L’associazione chiede anche la previsione della figura.

I pazienti e i loro familiari non chiedono la luna e il loro non è un capriccio: avere medici e fisioterapisti respiratori stabili ed esperti in fibrosi cistica è una necessità vitale, perché la patologia è complessa e richiede conoscenze specifiche, dura tutta la vita e ogni paziente ha una sua storia clinica. Dunque, ogni volta che un medico se ne va e ne arriva uno nuovo, si deve ricominciare daccapo e viene meno anche un legame e un rapporto di fiducia, indispensabile per una malattia cronica.

La storia e gli standard europei – Dal 1996 la fibrosi cistica è stata seguita nel reparto di pediatria dell’ospedale di Soverato. Dal maggio 2014 il centro è stato trasferito nell’ospedale di Lamezia Terme come servizio autonomo, nel 2015 ha conseguito la certificazione di qualità ISO 9001, nonostante la precarietà di tutti i medici. Nel 2016, è stato declassato ovvero accorpato a pediatria facendo indietreggiare la cura di almeno 10 anni.

Ad oggi, ha in carico circa 140 pazienti adulti e pediatrici. Secondo gli standard di cura europei, l’organico strutturato dovrebbe essere composto da 2 pediatri, 2 fisioterapisti respiratori e 2 pneumologi, esperti di fibrosi cistica.

Per il nuovo centro sono stati investiti dei soldi. Negli anni scorsi, gli stessi medici e il fisioterapista respiratorio precari sono stati formati con soldi pubblici, dunque c’è anche un problema di spreco economico”.

loading...