Commemorata al 2° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Sirio” la Madonna di Loreto · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Commemorata al 2° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Sirio” la Madonna di Loreto

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Ha avuto luogo ieri a Lamezia Terme, presso il 2° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Sirio”  la celebrazione della Festività della Madonna di Loreto. La solennità mariana si ricollega alla tradizione secondo la quale il sacello, venerato a Loreto, sia la camera nella quale nacque Maria a Nazaret, e per la quale la credenza popolare ha attribuito alla “mano di angeli” il trasporto a Loreto della “Santa Casa”. La convinzione di questa miracolosa traslazione “volante” spinse Papa Benedetto XV, accogliendo i desideri dei piloti della prima guerra mondiale (1914-1918), a nominare la Beata Vergine di Loreto “Patrona di tutti gli aeronautici” con il Breve Pontificio del 24 marzo 1920.

Tale momento di raccoglimento, voluto dal Comandante del 2° Reggimento “Sirio”, Ten. Col. Maurizio Sabbi, è stato officiato da S.E. Monsignor Luigi Antonio Cantafora, Vescovo di Lamezia Terme, e concelebrato dal sacerdote collaboratore Don Tonino Fiozzo. Alla funzione religiosa hanno partecipato Autorità Civili e Militari, tra cui il commissario prefettizio al comune di Lamezia Terme, Dott.ssa Mariagrazia Colosimo, rappresentanti dell’Associazione Nazionale Aviazione Esercito – Sez. di Lamezia Terme -, nonché studenti dell’Istituto Tecnico Trasporti e Logistica con indirizzo Aeronautico di Pizzo (VV).

L’evento, che ha visto tra i suoi momenti fondamentali l’eucarestia e la deposizione di un omaggio floreale alla statua della Beata Vergine che accoglie quanti accedono in Caserma, è stato motivo per festeggiare con assoluta semplicità e all’insegna della piena sobrietà, meditazione e gioia, i valori che sono radicati nella missione istituzionale della specialità di appartenenza.

Commenta