Oggi in episcopio presentazione del dossier “Lavoro indecente. I braccianti stranieri nella piana lametina” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Oggi in episcopio presentazione del dossier “Lavoro indecente. I braccianti stranieri nella piana lametina”

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Oggi 20 novembre alle 12.30 nel salone dell’episcopio di Lamezia Terme sarà presentato il dossier “Lavoro indecente. I braccianti stranieri nella piana lametina”, a cura di Francesco Carchedi, Marina Galati, Isabella Saraceni dell’associazione Comunità Progetto Sud.
L´iniziativa si inserisce conclusione della Prima Giornata dei poveri voluta da Papa Francesco e celebrata nell´intera Diocesi con molteplici iniziative di carattere religioso e sociale.

“Conosciamo la grande difficoltà che emerge nel mondo contemporaneo di poter identificare in maniera chiara la povertà. Eppure, essa ci interpella ogni giorno con i suoi mille volti segnati dal dolore, dall’emarginazione, dal sopruso, dalla violenza, dalle torture e dalla prigionia, dalla guerra, dalla privazione della libertà e della dignità, dall’ignoranza e dall’analfabetismo, dall’emergenza sanitaria e dalla mancanza di lavoro, dalle tratte e dalle schiavitù, dall’esilio e dalla miseria, dalla migrazione forzata – si legge al punto 5 del messaggio “Non amiamo a parole ma con i fatti” con il quale Papa Francesco ha istituito la prima giornata dei poveri, e continua – che la povertà ha il volto di donne, di uomini e di bambini sfruttati per vili interessi, calpestati dalle logiche perverse del potere e del denaro. Quale elenco impietoso e mai completo si è costretti a comporre dinanzi alla povertà frutto dell’ingiustizia sociale, della miseria morale, dell’avidità di pochi e dell’indifferenza generalizzata!”

“L’indagine che presentiamo oggi -fanno sapere i curatori del libro “Lavoro indecente” – è il risultato a cui siamo pervenuti svolgendo una ricognizione di dati e materiali attinenti alle condizioni dei braccianti stranieri nell’area lametina. Il volume pertanto si inserisce in quel filone di studi che pongono l’attenzione a quelle forme occupazionali che si configurano come indecenti e sovente anche in maniera para-schiavistica. Ovvero tutte quelle forme occupazionali che si caratterizzano – come recitano le norme correnti – con un lungo orario, con un salario basso e con la mancanza di protezione contro gli infortuni. Questi aspetti seppur in maniera dissimile da quelli riscontrati in altre aree agricolo-rurali della Calabria, ad esempio nella Piana di Sibari o in quella di Gioia Tauro, sono ben presenti all’interno di contingenti bracciantili immigrati. L’indagine, da questa prospettiva, ha scandagliato la dimensione specifica del mercato del lavoro regionale, i segmenti del medesimo dove maggiore è la presenza straniera e all’interno di questi dove maggiori sono le modalità occupazionali più dure e pericolose, facendo emergere una realtà che tutti percepiscono ma che nessuno riconosce come modalità di sfruttamento grave e dunque sanzionabile giuridicamente. Le attività lavorative ai limiti della legalità non appaiono episodiche o semplicemente marginali, ma del tutto incardinate nelle pratiche usuali del mercato del lavoro locale. Sono dunque pratiche che non appartengono al passato remoto, ma purtroppo sono di presente attualità”.

Commenta

loading...