L’IIS “Da Vinci” a Montecitorio per parlare di legalità · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

L’IIS “Da Vinci” a Montecitorio per parlare di legalità

mercoledì 7 giugno 2017 - 10:06
Print Friendly, PDF & Email

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Giovedi 1 giugno l’IIS “LEONARDO DA VINCI” ha partecipato alla Conferenza Nazionale “L’EDUCAZIONE ANTICORRUZIONE IN ITALIA” tenutosi a Palazzo Montecitorio a Roma per parlare di giovani, di cosa possiamo fare per trasmettere loro i valori dell’etica, della legalità e dell’anticorruzione, e di come la scuola, gli insegnanti e il sistema educativo italiano nel suo complesso possono e devono contribuire in questo senso.

Alla conferenza sono stati presenti diversi rappresentanti istituzionali tra cui il dott. Michele Nicoletti e la dott.ssa Eleonora Cimbro della Camera dei Deputati, il dott. Paolo Sciacca Dirigente del MIUR, la dott.ssa Nicoletta Parisi dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, il dott. Edoardo Cilenti dell’Associazione Nazionale Magistrati, il Dott. Gerardo Colombo in qualità di Esperto di educazione alle regole di bambini e ragazzi e la dott.ssa Federica Angeli Giornalista di Repubblica oltre al Presidente di Transparency International Italia Dott. Virginio Carnevali ed i rappresentanti delle due scuole Italiane coinvolte nella sperimentazione, l’IIs “L. Da Vinci” e l’IIS “V. Floriani” di Vimercate (MB).

Durante la conferenza la Dirigente Scolastica Dott.ssa Amelia Roberto ha relazionato sull’importante esperienza vissuta nella scuola con un percorso formativo che ha cercato di far comprendere agli studenti come la corruzione abbia un effetto anche sulla loro vita e sul loro futuro. Il progetto sperimentato ha contribuito a promuovere il ruolo attivo dell’educazione civica e morale nel rafforzamento della coscienza civile perché solo attraverso azioni propositive e concrete di promozione dei valori si può ottenere un miglioramento generale della qualità della vita. È necessario concentrare gli sforzi sull’educazione civica e sulla responsabilizzazione di quelli che, oggi bambini o adolescenti, domani saranno cittadini adulti, in grado, con le loro scelte, di promuovere cambiamenti nella nostra società.

Si è conclusa così una collaborazione iniziata quattro anni fa tra l’associazione no profit Transparency International Italia e l’IIS “Leonardo da Vinci” di Lamezia Terme con un percorso intitolato “Approcci Innovativi nell’educazione alla legalità nelle scuole” che ha visto protagonisti gli alunni di alcune classi della scuola guidate dalle Prof. Angela Fazio, Marcella Gariano e Giovanna Torcasio. L’occasione per partecipare a questo progetto, facente parte del Programma Erasmus plus, nasce con il concorso nazionale del 2013 “Metti a fuoco la corruzione” promosso da Transparency Italia e vinto dagli allievi della 3D Grafica e Comunicazione classificandosi ex aequo come “Scuola più sveglia d’Italia” .

L’aspetto innovativo di questo progetto è stato quello di utilizzare metodologie didattiche che prevedono la partecipazione attiva dei ragazzi che si sono resi protagonisti delle varie fasi progettuali. Le scuole coinvolte nel progetto sono state due in Italia, l’IIS “L. Da Vinci” e una scuola di Milano, due in Slovenia e due in Ungheria. L’iniziativa ha inteso sistematizzare le esperienze di tre paesi coinvolti nella sperimentazione, nel campo dell’educazione alla legalità, attraverso un lavoro sinergico con i professori, che si sono, a loro volta, interfacciati con gli studenti.

Le fasi del progetto si sono così articolate:

1° anno: formazione dei professori sull’anticorruzione e sulle metodologie didattiche di insegnamento dell’anticorruzione e co-progettazione di un modulo didattico

2° anno :  implementazione del modulo didattico da parte dei professori in 8 classi per ogni istituto (circa 400 studenti in Italia), confronto e scambi con i partner internazionali e  finalizzazione del modulo

3° anno : attività di diffusione del modulo, conferenza nazionale con i principali stakeholders, e concorso internazionale di cortometraggio sulla corruzione destinato agli studenti.

In merito al concorso “Immagina un mondo senza corruzione” gli allievi della 3D Grafica e Comunicazione hanno vinto la fase nazionale con la storia “La vittoria di Giulia” dalla quale è stato tratto un cortometraggio che andrà a competere al Concorto Film Festival del Cortometraggio che si terrà a Piacenza nell’ultima settimana di Agosto. Protagonisti del cortometraggio sono gli stessi alunni autori della storia, guidati dal giovane regista lametino Mario Vitale e con la collaborazione del Reparto di pediatria dell’Ospedale di Lamezia Terme che è stato gentilmente messo a disposizione dal Direttore Generale Dottor Perri e dalle Dott.sse Marasco e Caloiero.

loading...