Sanità, comitati cittadini incontrano il delegato regionale Franco Pacenza · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Sanità, comitati cittadini incontrano il delegato regionale Franco Pacenza

sabato 11 febbraio 2017

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Nella giornata di oggi una delegazione del “Coordinamento 19 Marzo” e del “Comitato Salviamo la Sanità del Lametino”, i dottori Nello Sofi e Armando Cavaliere, l’ex Primario del reparto di cardiologia Antonio Butera con l’On. Sebastiano Barbanti, hanno incontrato il delegato regionale alla Sanità Franco Pacenza per discutere circa quanto sta accadendo negli ultimi anni all’ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia Terme, e più in generale sul territorio lametino e calabrese.

“Si è subito detto che lunghe dalla volontà di tutte le parti – si legge in una nota – cercare e trovare uno scontro che non servirebbe a nessuno, ma lavorare per il raggiungimento dello scopo principale quale è quello di offrire una Sanità funzionante a chi necessiti (perché questo è il diritto alla Salute) dello stesso servizio. A dimostrazione di quanto i cittadini intendano “lavorare con” (e non “contro”) chi attualmente detiene potere decisionale sulla Sanità in Calabria e con la stessa politica che intendesse effettivamente però interessarsi della causa, si è fatto presente lo studio redatto dal CESMAV, il quale attesta anche dal punto di vista scientifico il valore del G.P. II, consegnato al Direttore Generale dell’Asp di CZ, Dott. Giuseppe Perri , circa una settimana fa e portato a conoscenza di molti esponenti politici e tecnici, oltre a riconoscere la centralità del nosocomio lametino e l’importanza della struttura che lo ospita (considerandola dal punto di vista interno quanto esterno) poco “sfruttata” rispetto a quanto ha da offrire.

Rassicurazioni sono state date circa la ormai si crede non molto lontana apertura del Centro protesi INAIL. Non si poteva inoltre non fare riferimento al Trauma center ed al Patto per la Calabria che vede destinare 20 milioni di Euro all’ospedale di Lamezia Terme: fondi che ovviamente ci sono. Si è sottolineata l’importanza della presenza di molti reparti invece soppressi in Città.

Le varie associazioni continuano quindi ad auspicare la fine di questa epoca commissariale per avere un confronto ancora più efficace con la politica che voglia realmente fare l’interesse della persona, perché è con la buona Sanità che automaticamente si potrebbero realmente sanare i conti, e mai badando solo alla finanza ottenere il contrario o anche il risanamento di conti: questo ci dimostra l’esperienza commissariale”.

loading...