A Lamezia 31 associazioni si riuniscono per costituire Consulta. Soddisfatto il presidente Unpli Vincenzo Ruberto · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

A Lamezia 31 associazioni si riuniscono per costituire Consulta. Soddisfatto il presidente Unpli Vincenzo Ruberto

domenica 21 febbraio 2016

imageLAMEZIA TERME (CATANZARO) – Si è svolta presso la sede della Pro Loco cittadina l’annunciata riunione delle Associazioni territoriali promossa dal Presidente delle Pro Loco calabresi Vincenzo Ruberto.
All’iniziativa hanno aderito 35 Associazioni di cui 31 presenti all’incontro.
Vincenzo Ruberto, nella relazione introduttiva, ha illustrato gli scopi che, insieme ad altri protagonisti del mondo delle associazioni lo hanno ispirato ad assumere una iniziativa del genere.
La costituzione di una Consulta potrebbe rappresentare uno strumento di confronto e di crescita per il territorio soprattutto in previsione dei bandi europei che vedranno la luce nelle prossime settimane.
Organizzare una rete di competenze e di esperienze, acquisite in anni di lavoro sul territorio, potrebbe risultare la formula adatta per contribuire ad aiutare l’Amministrazione Comunale ad uscire dalle ristrettezze economiche in cui si trova nel dover programmare eventi che, possano favorire lo sviluppo culturale, sociale ed economico della città.
Diversi e qualificati sono stati gli interventi, hanno offerto il contributo al dibattito Enzo Mastroianni dell’Associazione San Teodoro, Sergio Servidone dello Csen provinciale, Pino Natale di Calabria mia, Rosa D’Audino dell’Aulos, Claudio Fittante Animula, Franco Pujia Vespa Club, Francesco Pollice Ama Calabria.
Tutti gli intervenuti si sono dichiarati disponibili e pronti ad aderire alla Consulta delle Associazioni.
Alcuni interventi si sono soffermati sulla esagerata burocrazia che regolamenta le attività delle associazioni cittadine, si sono portati esempi di snellimento burocratico che altri Comuni o Enti territoriali praticano da tempo.
Su queste tematiche e più in generale, sul rapporto che la Consulta dovrebbe istaurare con l’Amministrazione comunale, i presenti hanno stabilito di confrontarsi con Sindaco e Amministrazione Comunale, soltanto dopo aver tracciato e stabilito la forma giuridica con la quale la Consulta dovrà operare.
Le Associazioni infine, hanno ribadito il concetto di essere lontani dalle dinamiche delle politica e che il loro solo scopo è la crescita del territorio ed il confronto costante con le istituzioni.

loading...