Si è spento il giornalista Ugo Caravia. Arrivederci “caro collega”… · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Si è spento il giornalista Ugo Caravia. Arrivederci “caro collega”…

venerdì 12 febbraio 2016

imageLAMEZIA TERME (CATANZARO) – Si è spento all’età di 89 anni il giornalista Ugo Caravia. Nato a San Mango d’Aquino, di cui è stato sindaco, Caravia ha vissuto a Lamezia, dove ha esercitato la professione di professore alle scuole elementari e si è distinto nella storia del giornalismo locale, grazie alla sua costante collaborazione con la Gazzetta del Sud.

Un uomo di altri tempi, orientato ai sani principi della giustizia, della legalità, che ha fatto del giornalismo anche una scuola di vita. Protagonista del vecchio giornalismo, Caravia apparteneva a quella categorie di “penne” che dettavano gli articoli per telefono quando c’era l’urgenza della pubblicazione, che la notizia la andava a scovare per strada e non su internet, che parlava con la gente per conoscere i fatti. Un giornalismo diverso da quello che facciamo noi ogni giorno, ma sicuramente figlio di esso.

“Al carissimo Dottor Caravia, la Chiesa di Lamezia Terme dice grazie per la sua testimonianza di credente e di giornalista. Ha diretto per anni il notiziario diocesano LameziaNuova, mettendo a disposizione della comunità cristiana i suoi talenti e la sua professionalità con grande servizio. Di questa sua libera disponibilità, la Diocesi è stata veramente onorata. Lo affidiamo al Signore che vede nel cuore di ciascuno di noi e chiediamo per lui l’eterna misericordia di Dio. Siamo vicini ai suoi figli Giuseppe e Cristina, mentre assicuriamo come Chiesa il ricordo nella preghiera di suffragio”. Così il vescovo di Lamezia mons. Luigi Cantafora dopo aver appreso della scomparsa della storica firma lametina.

“Cara collega” così mi chiamava ogni volta che ci incontravamo. Va via un giornalista, va via un pezzo di storia del nostro giornalismo, ma soprattutto va via un caro amico che mi abbracciava ogni volta e mi incoraggiava sempre ad andari avanti.

Arrivederci “caro collega”…ora avrai tante altre storie da scrivere lassù!

CANDIDA MAIONE

loading...