Al Liceo “Campanella” reading teatrale su “La Grande Guerra. Il sonno del mondo” · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Al Liceo “Campanella” reading teatrale su “La Grande Guerra. Il sonno del mondo”

lunedì 11 maggio 2015

reading_grande_guerraLAMEZIA TERME (CZ) – Nella ricorrenza del centenario della Prima Guerra Mondiale (24 maggio 1915-24 maggio 2015), il Liceo T. Campanella, a Lamezia Terme, ha ospitato il reading teatrale dell’Associazione culturale Linking Calabria, ideato da Anna Puleo e Vincenzo Santoro “La Grande Guerra. Il sonno del mondo”.

Con l’intento di raccontare ai giovani la storia nelle sue profondità, nelle tragiche ripercussioni sulle popolazioni civili, attraverso  voci e immagini delle donne e degli uomini che hanno vissuto questo evento devastante. Non solo i fatti, ma anche le angosce, gli stati d’animo provati da chi stava al fronte o nelle retrovie.

Nell’Auditorium del Liceo, le letture di Mariarita Albanese e Aldo Conforto, i video di Danilo Attanasio, hanno consentito di ripercorrere le fasi salienti di un conflitto di dimensioni enormi che ha distrutto un’intera generazione.

Preziose ed intense testimonianze tratte da scritti di Alvaro, Ungaretti, De Roberto, Brecht,  Remarque, Hemingway, D’Annunzio; cartoline e lettere dal fronte, fotografie, giornali, diari, poesie, film e documentari; hanno ricostruito il volto di una guerra colma di orrori perché guerra di trincea e di cruenti assalti alla baionetta.

Una lezione di storia, per gli studenti del Campanella, improntata su vicende non tutte riportate nei testi scolastici, come quelle terribili  delle deportazioni di massa e delle esecuzioni sommarie.

Non è mancato l’approfondimento dedicato alla Calabria, il cui contributo alla guerra è stato decisivo per la partecipazione di 177mila uomini (20mila non tornarono). Tra le truppe che si distinsero, la “Brigata Catanzaro”, soprannominata la  “Brigata di ferro” (interessata a due casi di decimazione) insignita della medaglia al valore militare sul campo. Ed ancora, la narrazione delle vicessitudini del capitano Ercole Scalfaro di Catanzaro, del caporal maggiore Elvidio Borelli di Nicastro, dell’infermiera Maria Morabito di Reggio Calabria. Con quest’ultima, il ricordo di tutte le donne che, in seguito alla loro massiccia mobilitazione per sostituire gli uomini impegnati nelle operazioni militari, scoprirono sbocchi di libertà e ruoli di responsabilità.

“Il reading – ha spiegato la docente del Campanella, Michela Cimmino – è stato inserito nel nostro  programma di attività relative alla Grande Guerra e si pone come momento propedeutico al viaggio studio, organizzato per i prossimi giorni, nel Trentino, nei luoghi dove correva il fronte”.

Lo spettacolo accolto dal Liceo lametino, è patrocinato dal consiglio dei Ministri e  rientra nel programma ufficiale della commemorazione del Centenario della Prima guerra mondiale e de” Il Maggio dei Libri”.

Elisabetta Mercuri

.

 

 

 

 

 

 

 

.

loading...