Tavolo istituzionale contro chiusura pediatria, convocato per lunedì mattina un consiglio comunale aperto · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Tavolo istituzionale contro chiusura pediatria, convocato per lunedì mattina un consiglio comunale aperto

martedì 3 marzo 2015

tavolo_istituzionale_pediatriaLAMEZIA TERME (CZ) – Dopo aver protestato dinanzi all’ingresso dell’ospedale “Giovanni Paolo II” e poi presso il comune di Lamezia Terme, una delegazione di cittadini ha preso parte ad un tavolo istituzionale per discutere di eventuali soluzioni da attuare in vista della chiusura del reparto di pediatria.

Durante la riunione l’assessore alla sanità, Milena Liotta, ha voluto fare luce sullo stato delle cose e sul suo operato. L’assessore ha ripercorso l’iter delle precedenti emergenze riguardanti il centro trasfusionale e la Tin ed ha messo in evidenza come il contesto in cui si agisce ha alla base “delle logiche di parte molto cattive che tendono ad innescare la guerra tra poveri” esortando perciò all’unità ed alla calma onde evitare di “fare il gioco dell’avversario”.

La Liotta ha anche spiegato come il nostro ospedale sia uno Spoke e non un Hub, avente perciò finalità diverse da questi ultimi “quindi sulla carta siamo fortemente penalizzati”. Poi il chiarimento sulla sua attività in qualità di assessore alle politiche sanitarie che si è incentrata sul voler rafforzare l’esistente facendo sì che “tutto ciò che attualmente è all’interno della nostra struttura ospedaliera sia messo nelle condizioni di operare nel miglior modo possibile garantendo quell’indiscutibile diritto alla salute”.

“Ho cercato innanzitutto di capire quali siano le reali criticità della struttura – ha proseguito – e cosa fare in termini di sostenibilità per rafforzarle, mi mancano solo i numeri che a giorni mi darà il dott. Carmine Dell’Isola, responsabile di settore che si occupa di tradurre in termini numerici quelle che sono le attività del nostro ospedale”. La Liotta ha anche affermato con rammarico che così come in passato ci sono stati uomini che si sono distinti per rendere il nostro nosocomio una delle eccellenze, ve ne sono stati altrettanti che lo hanno distrutto. “Alla luce di ciò – ha detto – dobbiamo essere più pragmatici, pertanto ho intenzione di sottoscrivere un documento unitario da sottoporre al nuovo direttore generale. Questo documento dovrà essere il vademecum sul quale il nuovo direttore generale dovrà assumere impegni sottoscritti da tutti in maniera trasversale”.

Sul blocco dei turn-over, definito dalla stessa come il problema numero uno, ha palesato l’intenzione di avvalersi di “uno strumento che passa attraverso una circolare che obbliga a procedere in via propedeutica alla riorganizzazione e razionalizzazione delle risorse umane”. L’assessore ha anche esortato la politica a “tirarsi fuori in termini di agganci con persone che poi si astengono dal fare il loro dovere, perché altrimenti da questo problema non ne usciamo. Solo il bene comune ci permetterà di risolvere questo e tanti altri problemi, perché in città in questi anni si è investito troppo in termini di egoismo e soggettivismo”.

Il vicesindaco, Francesco Muraca, ha dichiarato che “per andare avanti dobbiamo capire chi è il nostro interlocutore perché ad oggi non sappiamo chi è il commissario e dobbiamo portare il problema all’attenzione del governo nazionale”. Ha ribadito anche la necessità di capire quali siano i progetti e le idee per il nosocomio lametino. Dopodiché si è deciso di convocare un consiglio comunale aperto nella giornata di lunedì mattina che verrà pubblicizzato mediante l’affissione di manifesti in modo tale che la cittadinanza ne sia informata e possa partecipare. Il tavolo istituzionale si riunirà nuovamente nei prossimi giorni.

Denise Di Matteo

loading...