Inaugurata la 44ma edizione della Fiera Agricola con l’auspicio che dalla prossima edizione si tenga in primavera · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Inaugurata la 44ma edizione della Fiera Agricola con l’auspicio che dalla prossima edizione si tenga in primavera

venerdì 30 gennaio 2015

inaugurazione_fiera15LAMEZIA TERME (CZ) – Oggi nella sala consiliare di via della Libertà è stata presentata la 44ma edizione della fiera agricola. Tante le autorità presenti quali il vescovo di Lamezia Terme Mons. Luigi Cantafora, il sindaco di Lamezia Gianni Speranza, il presidente della provincia di Catanzaro Enzo Bruno, il neoprefetto Luisa Latella e il vicepresidente della giunta regionale Enzo Ciconte.

Nel prendere la parola, il presidente dell’Ente Fiera Vincenzo Sirianni ha messo in risalto l’importanza dell’agricoltura nel contesto calabrese ed ha esortato la politica a sostenere gli imprenditori agricoli “perché le possibilità legate all’agricoltura sono tante. La Calabria produce un reddito agricolo pari al doppio della media nazionale”.

Parlando dell’evento iniziato oggi e che proseguirà fino al 3 febbraio, ha spiegato che “con la fiera vogliamo dare dimostrazione di come non ci si debba arrendere e di come l’agricoltura possa dare delle opportunità passando dal carro coi buoi alla tecnologia”. Per Sirianni “l’agriturismo deve essere il biglietto da visita della nostra regione per far sì che possa ottenere il riscatto che merita”. In ultima battuta il presidente ha auspicato in un eventuale cambio di data per la prossima edizione, “magari in primavera in modo tale da attirare più visitatori” ed ha lanciato un appello alla politica che “deve continuare a credere in questo evento e deve prendere una posizione precisa in merito che permetta alla fiera di decollare”.

A seguire si son tenuti gli altri interventi. Il Prefetto insidiatosi da poco, Latella, ha dichiarato che l’agricoltura dovrebbe tornare a svolgere un ruolo primario nelle politiche regionali poiché “non dobbiamo dimenticare che tutti siamo stati dei contadini”. Per Mons. Cantafora la fiera rappresenta una proiezione dell’EXPO di Milano ed ha detto che la chiesa è molto vicina all’agricoltura. “La terra – ha detto – deve esser coltivata in maniera solidale e sostenibile”. Sulla scia del tema toccato in occasione dell’inaugurazione del IX anno della Scuola di Dottrina Sociale della Chiesa, il vescovo ha affermato che l’agricoltura rappresenta un bene comune perciò “bisogna promuovere la tutela e la salvaguardia del creato”. Il vescovo ha affermato altresì che l’agricoltura rappresenta il modo per sanare la piaga della disoccupazione.

Prima dell’intervento del presidente della Provincia, Enzo Bruno, è stata letta una nota invitata dal presidente del consiglio regionale, Tonino Scalzo (assente perché impegnato a Roma per l’elezione del Presidente della Repubblica) il quale ha manifestato il proprio plauso e la propria condivisione per la fiera definita dallo stesso come un momento di crescita per il comparto agricolo.

Enzo Bruno ha definito la manifestazione come uno dei pochi punti fermi della Calabria in cui tutto è provvisorio ed ha affermato che la provincia è attenta a questo tipo di iniziative. “L’agricoltura e il turismo – ha dichiarato – sono i settori che possono permettere la rinascita della nostra regione. L’area centra della Calabria deve ripartire proprio da queste iniziative”.

Per l’on. Enzo Ciconte l’agricoltura è un settore che deve svilupparsi ancora di più perché sono tante le eccellenze del settore.
Infine è intervenuto il sindaco, Gianni Speranza: “La presenza della nuova giunta regionale è un elemento positivo” ed ha affermato che “la fiera per i lametini è tante cose: un luogo di incontro, una festa”. Il sindaco ha anche lanciato un appello al vice presidente della giunta regionale “sarebbe bello riuscire ad entrare nell’EXPO ma possiamo accontentarci anche di qualcosa di minore ovvero che alla fiera venga data importanza a livello regionale. Se nonostante tutto abbiamo proseguito con tante edizioni è perché si tratta di un evento realmente importante”.
Dopo gli interventi degli ospiti ci si è sposati all’entrata della fiera dove, sotto la pioggia, è stato effettuato il taglio del nastro.

Denise Di Matteo

loading...