Al Liceo Classico “Fiorentino” incontro su 25 anni caduta Muro di Berlino · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Al Liceo Classico “Fiorentino” incontro su 25 anni caduta Muro di Berlino

carioti_lamezia_1LAMEZIA TERME (CZ) – L’attualità del dibattito sul crollo del Muro di Berlino e la nascita della Nuova Europa è stata oggetto di un confronto molto stimolante che si è svolto lo scorso mercoledì mattina presso la Biblioteca “Oreste Borrello” del Liceo “Francesco Fiorentino”, su iniziativa di Teresa Benincasa, consigliere comunale e Presidente della Commissione per la Cultura.

Grazie alla disponibilità dei dirigenti del Liceo Scientifico, prof.ssa Caterina Calabrese, e del Lieo Classico, in reggenza con il prof. Salvatore Vescio, è stato possibile valorizzare la presenza e la generosa disponibilità di Antonio Carioti, giornalista e scrittore, a Lamezia in occasione della conferenza sulla Grande Guerra, svolta il 4 novembre al Teatro Umberto, e che per il Corriere della Sera ha curato un libro, in uscita da ieri in edicola, dal titolo: “1989. Il crollo del Muro di Berlino e la nascita della nuova Europa”.

La notte del 9 novembre crollava il Muro di Berlino e per l’Europa iniziava una nuova fase storica di riunificazione della Germania, dopo 20 anni di amputazione sotto il blocco sovietico, che ne aveva ottenuto l’annessione come ricompensa per la partecipazione alla guerra contro il nazismo nella seconda guerra mondiale, conflitto a sua volta connesso alle conseguenze della prima guerra mondiale.

Gli studenti delle classi guidati dai docenti Carterina Destito, per il Liceo Scientifico, Raffaele Gaetano e Antonio Pulerà per il Liceo Classico, hanno potuto così ascoltare una fluida lezione magistrale di Carioti, il quale, con il dono della sintesi giornalistica e l’approfondimento dello studioso, ha ricostruito i fatti dell’epoca provocando valide riflessioni sulle prospettive di un evento che ha mutato per sempre i destini del Vecchio Continente.

L’incontro con gli studenti è stata un’occasione preziosa per sollevare e rispondere ad alcuni interrogativi rimasti aperti dopo la caduta del muro: quale rapporto lega l’unificazione tedesca alla nascita dell’euro? L’egemonia della Germania in Europa oggi è inevitabile? Come influisce sul processo d’integrazione comunitaria e sui rapporti con gli Stati Uniti?

“Sono convinta che il tentativo di privilegiare le nuove generazioni per promuovere occasioni di approfondimento della storia- dichiara Teresa Benincasa- sia non solo “utile” per quanti si apprestano a svolgere l’esame di maturità che verosimilmente potrebbe riguardare i 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino quanto il Centenario dalla Grande Guerra. Stimolare un approccio vivo con la Storia, anche attraverso le scuole è essenziale per riuscire, in uno sforzo corale, a costruire quello che gli insegnanti hanno più a cuore di altri per riuscire a favorire una consapevolezza storica che aiuti i più giovani ad affrontare il futuro. Il convincimento più sincero, e che spero possa oggettivarsi con altre iniziative aperte agli studenti, presuppone il fatto che solo riconoscendo gli errori del passato è possibile costruire un futuro migliore e comprendere che il presente è il tempo delle scelte in cui è vitale saper leggere e comprendere le ragioni degli altri. Tra gli spunti segnalati al giovane uditorio anche la cinematografia: “Good Bye Lenin” e “La vita degli altri”.

Commenta

loading...