Francesco Talarico incontra la Stasi per discutere della vicenda di Fondazione Terina · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Francesco Talarico incontra la Stasi per discutere della vicenda di Fondazione Terina

protesta_terina1LAMEZIA TERME (CZ) – “Esprimo compiacimento e soddisfazione per l’attenzione che la presidente facente funzioni della Giunta regionale Antonella Stasi ha riservato alle vicende della Fondazione Terina”. Sono queste le parole Talarico, presidente del consiglio regionale, in merito alla vicenda della Fondazione Terina.

Talarico, infatti, ha avuto un incontro con la Stasi “per tentare di dare una svolta ad una Fondazione che, appena avrà sciolto alcuni nodi particolarmente difficili, potrà svolgere la sua missione originaria di braccio operativo della Regione sui fronti della ricerca e della sicurezza del comparto agroalimentare, più che mai strategici per le sorti dell’economia calabrese”. Il presidente del Consiglio, inoltre, ha consegnato alla Presidente f.f. della Regione “un protocollo d’intesa predisposto dal commissario della Fondazione Terina, Pasqualino Scaramuzzino, che nei prossimi giorni sarà sottoposto alle strutture dipartimentali competenti dell’esecutivo e alle organizzazioni sindacali”.

“La presidente Stasi – ha aggiunto Talarico – s’è impegnata manifestando grande disponibilità a far visionare il testo agli uffici ed ora siamo in attesa dei passaggi successivi. Per la Fondazione Terina è un ulteriore momento di attenzione, ma soprattutto una nuova importante tappa sulla strada che auspichiamo porti alla soluzione definitiva dei problemi che gravano sui suoi lavoratori. Rammento al riguardo – ha proseguito – che mai saremmo giunti a quello che potremmo definire “l’ultimo miglio”, se il Consiglio regionale non avesse dapprima licenziato nel 2011 una serie di norme a carattere finanziario che hanno nei fatti salvato l’ente dal sicuro fallimento e, successivamente, la legge 24 del 2013, il cui articolo 13 dispone appunto sul riordino della fondazione e sulla salvezza dei livelli occupazionali. Tutti risultati – ha concluso – che oggi autorizzano a guardare al futuro con un certo ottimismo”.

D.D.M.

Commenta

loading...