Questione Infocontact, Mario Magno chiede tavolo tecnico · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Questione Infocontact, Mario Magno chiede tavolo tecnico

venerdì 11 luglio 2014

mario_magnoLAMEZIA TERME (CZ) – Il consigliere regionale Mario Magno ha chiesto la convocazione di un tavolo tecnico tramite l’invio di una lettera al Presidente f.f. della Giunta Regionale Antonella Stasi, all’Assessore al lavoro ed alle politiche sociali Nazareno Salerno e al desputato della Repubblica Giuseppe Galati. “Desidero richiamare la vostra attenzione sulla gravissima situazione di crisi che si sta consumando in seno all’azienda Infocontact che gestisce i call center allocati nell’area ex Sir di Lamezia Terme e Rende dove, attualmente, sono impiegati circa 2.600 persone.

Le notizie relative ad un imminente, possibile, fallimento dell’azienda, che già si trova in stato di concordato preventivo – scrive Magno – hanno fatto ripiombare nella disperazione i lavoratori e le loro famiglie perché gettano una densa ombra sulle loro aspettative di vita futura, determinando una vera e propria bomba sociale.

La struttura di Lamezia Terme, infatti, ad oggi da lavoro a centinaia di giovani provenienti da tutte le province della Calabria, molti con contratto a tempo determinato, ed assicura un esistenza dignitosa a molte famiglie, alcune delle quali monoreddito.

Vi chiedo, pertanto, – conclude Magno – di volervi adoperare per un’immediata convocazione di un tavolo tecnico che coinvolga, oltre alla Regione, alla Proprietà ed alle Rappresentanze Sindacali, i rappresentanti del Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico, al fine di concordare le soluzioni più adatte a scongiurare la crisi definitiva dell’azienda ed evitare quindi un vero e proprio disastro sociale per un terra già flagellata quotidianamente dalla chiusura di attività economiche e dalla perdita di posti di lavoro e per chiedere una più efficace regolamentazione del comparto al fine di scongiurare la dilagante delocalizzazione e il frequente ricorso a gare al ribasso per l’affidamento delle commesse”.

loading...